Finestre Antirumore: Cosa Sono, Quanto Costano, Recensioni?

finestre antirumore

Qual è la caratteristica che non può mancare in una casa ideale?

Se vivi in città, o in una strada a percorrenza veloce, o se i tuoi vicini hanno una muta di cani in giardino, probabilmente la risposta è: il silenzio.

L’inquinamento acustico, insieme all’inquinamento luminoso, è uno dei più grandi fastidi dell’ultimo decennio. Il rumore può letteralmente rovinare il nostro amore per la casa in cui viviamo.

Come spiega Semonella, titolare di Finestre Antirumore® : “Gli ambienti sono sempre più rumorosi, e le persone sono sempre più sensibili”.

Finestre Antirumore è l’unica azienda in Italia che da 25 anni si occupa di vendere ed installare infissi insonorizzati nelle regioni Ligura, Lombardia e Campania.

Quante volte, in 25 anni di vita aziendale, la telefonata del cliente iniziava così: “Abbiamo appena comprato casa, ma l’agente che ce l’ha venduta non ci aveva parlato del rumore del traffico”.

Può sembrare un rumore di fondo, all’inizio. Magari non ci fai caso, o non lo trovi troppo sgradevole.

Ma a lungo andare, si comincia a non dormire la notte. Si fatica a concentrarsi.

E il passo è breve: la casa diventa un inferno, dal quale si cerca di fuggire appena possibile. C’è chi addirittura vende, perché non ne può più del rumore persistente!

Se ti ritrovi in questa descrizione, questo è l’articolo che stavi cercando. Parleremo di infissi antirumore, delle loro caratteristiche, dei prezzi e di come capire se un lavoro è ben fatto, e vale i tuoi soldi.

Iniziamo.

Cosa sono le finestre insonorizzate?

serramenti insonorizzati

Come puoi facilmente immaginare, una finestra standard non è sempre sufficiente per bloccare i rumori quotidiani.

Per non parlare poi di suoni particolarmente acuti, come il rombo del motore di una moto o il suono provocato dal transito di un camion della spazzatura.

Le finestre insonorizzate, note anche come finestre a massimo abbattimento acustico, sono costruite in modo da eliminare fino al 95% del rumore esterno.

Per aumentare il grado di abbattimento acustico di una finestra, al produttore bastsa seguire questi passaggi:

  • Aggiungere della massa (installando, ad esempio, un vetro più spesso).
  • Ridurre il più possibile le fessure da cui potrebbero penetrare le onde sonore, aggiungendo più guarnizioni o punti di chiusura nel telaio. Ma, soprattutto, effettuando una posa in opera a regola d’arte.
  • Utilizzare un vetro stratificato. In sostanza, un sandwich vetro-plastica-vetro che riduce ulteriormente la trasmissione del rumore.
  • Insonorizzare anche il cassonetto delle tapparelle. Infatti è da qui che, in molti casi, passa la maggior parte del rumore.

Se hai già consultato dei preventivi o contattato delle aziende che si occupano di acustica, ti avranno probabilmente parlato della “classe di trasmissione del suono”, cioè un numero che esprime la qualità di isolamento acustico delle finestre.

Più alto è il numero, più una finestra abbatte il rumore.

Le finestre standard abbattono generalmente un suono pari a 27-30 decibel, mentre quelle insonorizzate arrivano a oltre 45 decibel, inibendo fino al 95% del rumore.

Quali caratteristiche deve avere un infisso antirumore?

La maggior parte delle aziende sostiene che per creare un serramento antirumore basta semplicemente installare un vetro acustico ad un infisso standard.

Beh, non è affatto così.

Un serramento insonorizzato, per essere davvero isolante, deve essere progettato in modo da fornire una barriera efficace contro la propagazione delle onde sonore.

Una finestra ad alto abbattimento acustico deve avere:

  • Almeno 4 guarnizioni sul telaio, in grado di bloccare la trasmissione delle onde sonore;
  • Diversi punti di chiusura che assicurano l’aderenza delle guarnizioni al telaio. Maggiori sono i punti di chiusura, minore è la possibilità che il suono riesca a penetrare;
  • Vetri stratificati acustici, che siano in grado di abbattere almeno 42 dB (decibel).

Tuttavia, se un infisso non viene posato correttamente, tutte le caratteristiche di isolamento acustico vengono vanificate!

L’azienda deve fare un’installazione a regola d’arte. Servono materiali specifici, come la schiuma poliuretanica e il nastro autoespandente. Solo con queste accortezze si limita al massimo la possibilità di propagazione delle onde sonore.

Quali rumori è in grado di ridurre una finestra antirumore?

Una finestra antirumore posata correttamente è in grado di abbattere (o ridurre sensibilmente) il rumore provocato da:

  • transito veicolare;
  • schiamazzi;
  • cane che abbaia;
  • rintocco delle campane di una chiesa;
  • treno in transito;
  • aereo in fase di decollo e atterraggio.

I suoni con frequenze basse, come i camion della spazzatura o gli autobus, sono più difficili da bloccare rispetto ai suoni con frequenze più alte, come il cinguettio degli uccelli.

Ma una buona finestra insonorizzata è in grado di abbattere o attutire sensibilmente anche questi rumori.

Quanto costano le finestre insonorizzate?

Le finestre antirumore non sono economiche.

Un infisso insonorizzato a un’anta ha un prezzo che parte da 500€, a due ante da 700€. Per quanto riguarda le porte-finestre, invece, un serramento ad un’anta può costare dai 700€ in su mentre a due ante da 900€.

Vuoi bloccare rumori molto fastidiosi e difficili da abbattere, come le sirene delle ambulanze o l’abbaio del cane? Allora devi mettere in preventivo una spesa superiore, e andare su un prodotto di fascia alta. Infatti, questo tipo di serramenti necessita di accessori di qualità superiore, con prezzi quindi generalmente più alti.

Vale la pena spendere di più per una finestra antirumore?

Beh, desideri vivere serenamente la tua casa? Vorresti buttare i tappi per le orecchie che usi per dormire o le cuffie a cancellazione del rumore di fondo per leggere un libro serenamente?

Allora sì, ne vale la pena. Parliamo di un acquisto che potenzialmente durerà quanto la tua casa, quindi verrà ammortizzato negli anni.

Le finestre insonorizzate sono anche efficienti dal punto di vista energetico?

A noi di Infissiweb piace definire la finestra antirumore un infisso perfetto: sicuro, isolante e insonorizzato.

Già, perchè devi sapere che le onde sonore sono le più difficili da ostacolare: dove non passa il suono, quindi, non passa niente. Nemmeno l’aria.

Un infisso antirumore con un vetro acustico, molti punti di chiusura sul telaio, diverse guarnizioni, e installato a regola d’arte, è in grado di abbattere il suono e di rappresentare un’efficace barriera contro il caldo, il freddo e gli spifferi.

E la sicurezza?

Un maggior numero di punti di chiusura rappresenta anche una maggiore barriera contro i malintenzionati.

Un infisso antirumore, oltre ad essere più isolante e insonorizzante, è anche più sicuro.

È possibile insonorizzare un infisso esistente (magari tramite la sostituzione del vetro)?

Purtroppo no.

Nella maggior parte dei casi, è impossibile isolare acusticamente un infisso se questo non è stato progettato in fase di costruzione, e realizzato con materiali idonei a questo scopo.

Alcuni sostengono che basti inserire delle barriere acustiche per finestre, altri propongono di applicare un numero maggiore di guarnizioni al telaio, altri ancora pensano che per isolare una finestra sia sufficiente sostituirne il vetro.

Mi dispiace deluderti: le soluzioni che propongono i “tuttologi” del web sono assolutamente inutili e inadeguate per risolvere il problema di rumore.

Un infisso deve essere progettato appositamente per abbattere il rumore, e deve avere le caratteristiche che abbiamo elencato precedentemente.

Dove posso acquistare dei serramenti insonorizzati?

In Italia esiste una sola azienda esclusivamente specializzata in vendita ed installazione di infissi a massimo abbattimento acustico.

Se vivi in Liguria, Lombardia o Campania, può aiutarti a risolvere il tuo problema di inquinamento acustico: è Finestre Antirumore, e da oltre 25 anni è l’unica sul territorio italiano a fornire serramenti insonorizzati di fascia alta.

Se vuoi un isolamento acustico duraturo, ma soprattutto efficace, i tappi per le orecchie non bastano. La soluzione è una sola: cambiare gli infissi (magari sfruttando la detrazione fiscale). Nessuno si è mai pentito di aver fatto questa scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *